Parere di congruità

Parere di congruità sugli onorari delle prestazioni professionali: Cos’è

Il parere (o visto) di congruità sugli onorari delle prestazioni professionali è l’atto attraverso cui l’Ordine valuta l’importo richiesto dal professionista per l’esecuzione di una prestazione come adeguato rispetto alla natura della stessa, in applicazione del D.L. 1/2012, conv. in L. 27/2012 – Abrogazione del sistema tariffario e applicazione dei criteri di congruità delle parcelle ai fini della liquidazione dell’onorario nel tempo.


Attività di opinamento delle parcelle da parte dell’Ordine

Il parere di congruità sulla liquidazione degli onorari corrisponde ad una funzione istituzionale dell’Ordine professionale in vista degli interessi degli iscritti e della dignità della professione, nonché dei diritti dei clienti ed è volto ad impedire richieste di onorari sproporzionati e comunque inadeguati a l'obiettiva importanza della prestazione.

Per “opinamento” si intende la verifica della parcella professionale confrontata con il disciplinare d’incarico, gli elaborati prodotti e le prestazioni svolte.

Il Consiglio Direttivo, non avendo la titolarità per eseguire l’indagine relativa al controllo del merito della prestazione svolta dal professionista, basa la propria valutazione esclusivamente sugli elaborati prodotti e sulle dichiarazioni fornite e firmate dal professionista il quale, pertanto, si assume integralmente la responsabilità in merito alla esatta rispondenza dei dati forniti al Consiglio Direttivo circa le prestazioni effettuate e gli importi esposti.


Soggetti aventi titolo alla richiesta di parere di congruità

Il parere di congruità per la liquidazione della parcella viene rilasciato, su richiesta, ai seguenti soggetti:

- al Professionista iscritto all’Ordine che ha svolto le prestazioni;
- al Committente per il quale il Professionista ha svolto le prestazioni;
- all’organo giudiziario (C.C. art. 2233):

Per le prestazioni professionali eseguite da soggetti quali associazioni, società tra professionisti (StP) o società di ingegneria, la domanda di rilascio del parere di congruità può essere presentata dal Professionista che, avendo sottoscritto gli atti, ne ha assunto la responsabilità personale secondo la normativa vigente, ovvero dal Direttore Tecnico della società, purché le prestazioni siano state svolte da un Perito iscritto all’Ordine.


Modalità richiesta Parere di congruità

Per richiedere il parere di congruità occorre presentare apposita domanda attraverso la modulistica e le modalità sotto riportate

Modalità presentazione istanza
Modulo richiesta rilascio parere di congruità (da presentare in marca da bollo da € 16,00)
Modello delega presentazione istanza

Alla richiesta è necessario allegare:
- Due copie della parcella
- Una copia degli elaborati


Versamenti

Diritti di Segreteria di € 50,00 da versare contestualmente alla presentazione dell'istanza
Dal portale https://vicenza.periti.plugandpay.it/ selezionando "Pagamento spontaneo" / "Servizi di Segreteria" / "DS - Diritti di Segreteria" / “DS3 - Diritti di Segreteria vidimazione parcelle - € 50,00”

Contributo variabile pari all’1% dell’onorario liquidato (con un minimo di €3,61 e un massimo di €139,44) da versare all’atto del ritiro del parere di congruità su indicazione dell’Ordine
Dal portale https://vicenza.periti.plugandpay.it/ selezionando "Pagamento spontaneo" / “Altri servizi” / “AS1 - Liquidazione parcella” ed inserendo manualmente l’importo indicato dall’Ordine


Modalità di pagamento

⇒Pagamento presso la Segreteria dell’Ordine da effettuarsi con bancomat o contanti
⇒Pagamento online tramite sistema PagoPA
⇒Pagamento tramite bonifico all’Ordine dei Periti Industriali e Periti Industriali Laureati di Vicenza
IBAN: IT20 W030 6960 8071 0000 0300 008
Causale: Nome e Cognome e motivo della richiesta


Commissione Parcelle e delibera di Consiglio

L’istanza, una volta presentata dal richiedente, viene presa in carico dalla Commissione Parcelle, la quale esprime il proprio parere sulla base dei criteri di proporzionalità e adeguatezza, tenuto conto della complessità della prestazione professionale e, in ogni caso, in conformità con la normativa vigente.

In caso di domanda incompleta, viene comunicato al richiedente l’elenco delle documentazioni mancanti o carenti che dovranno essere integrate.

Il termine iniziale del procedimento decorre a partire dal giorno successivo a quello in cui si ritiene che tutta la documentazione, presentata presso la Segreteria dell’Ordine, sia completa.
Al termine della valutazione, la Commissione invia le risultanze all’esame del Consiglio dell’Ordine affinché adotti i provvedimenti necessari alla conclusione del procedimento tramite specifica delibera.


Normativa di riferimento

Circolare CNPI - Prot. 5798-50/AP/ff del 26/10/2012 avente come oggetto: D.L. n. 1/2012 conv. In L. n.7/2012 ed attività di opinamento delle parcelle da parte dei Collegi – applicazione della norma abrogativa del sistema tariffario
L. 146 del 12/03/1957
Decreto Legge 24 gennaio 2012 n. 1 (“Decreto crescitalia”), conv. in Legge 24 marzo 2012 n. 27
Art. 7 del D. Lgt. 23 novembre 1944, n. 382
D.P.R. n. 140/2012
⇒ Art. 636 c.p.c
⇒ Art. 2233 C.C.


Disciplinare d'incarico

Facsimile di disciplinare di incarico elaborato dall'Ordine dei Periti Industriali di Vicenza

Facsimile di disciplinare di incarico elaborato dal CNPI

 

Ultime news

Preventivi e Parcelle | Parte II

La Legge 4 agosto 2017, n. 124, ha aggiunto il requisito che il preventivo deve essere scritto o digitale (articolo 1 comma 150). Per cautelarsi il professionista dovrebbe scegliere tra (lista indicativa e non esaustiva) – preventivo e lettera di incarico sottoscritto dalla parti, – preventivo sottoscritto per accettazione dal ...
Leggi Tutto

Preventivi e Parcelle: Introduzione

Rubrica a cura di Caldarde Per. Ind. Mauro E’ passato un decennio da quando furono abolite le tariffe professionali col Decreto Legge 24 gennaio 2012, n. 1, e la relativa Legge di Conversione 24 marzo 2012, n. 27. La Legge di Conversione stabilì che • il compenso per le prestazioni ...
Leggi Tutto